Ha preso piede stamane lo sciopero-raduno sindacale davanti alla piazza simbolo della casta politca italica. Tra fischietti, bandieroni e slogan già visti e risentiti a iosa, ecco che tra il popolo di operai, impiegati e (senti, senti!) pure li dotti medici, ecco che sbuca dal nulla e per incanto la sagoma inconfondibile e perentoria del primo cittadino menegnino, l’unico ed inimitabile rivoluzionario del popolo orange: Giuliano the mask Pisapia.
 
Camuffatosi con stendardi ed orpelli cigiellini di fortuna, ben coperto dagli amici e compagni di lotta, il buon Giuly non è sfuggito all’accuratissimo e micidiale obiettivo degli street reporter di Opinioni senza Etichetta. Beccato! E affondato!
 
Anche a prova dei più incalliti e scettici santommasiani, potrete voi stessi, mlònlettori, fare il raffronto e constatare il perfetto parallelisto, visionando il Pisapia d’assalto con quello ben più istituzionale. Se si eccettuano il capello arruffato e la differente mis del primo, scoprirete con le vostre oggettive pupille che i due formati del sindaco Madunina combaciano all’unisono.
 
Provare per credere.
Ipse Mlòn. Carpe diem. Dai nèn.