Il capo dei No-Cervello ad Alta velocità

By on 1 dicembre 2012

Predica montagne verdi e città incontaminate. Millanta un futuro senza alcun tipo di congestione naturale. Vorrebbe pecore e pastori pascolare sempre e comunque da qui all’eternità. Ma soprattutto, aborra l’Alta velocità. E per questo dogma idealizzato imbrocca spranghe, bastoni e fumogeni, e si trasforma in un delinquente no-Tav. Pardòn, no-Cervello.
E mò, sto’ trentaduenne già condannato nel 2009 per gli scontri del G8 universitario di Torino, e tuttora con l’obbligo di dimora nel capoluogo piemontese per aver fatto irruzione nel cantiere valsusino, dove è che te lo vai a ritrovare? Dentro il Frecciarossa Torino-Roma. Che più Alta-velocità non si puo’. Che più manifesto no-Cervello di così, si muore. Dal ridere.

Rompono, disfano, imbrattano e caricano armati fino ai denti una polizia sempre inerme ed inoffensiva. Poi pretendono di passare da vittime e martiri, denunciando le forze dell’ordine e rivendicando quell’assurdità del distintivo nominale sul casco, agitandolo vilmente come assenza di trasparenza da parte dello Stato. Mentre a loro può e deve essere concesso tutto. Girare coi passamontagna, impugnare mazze, mettersi elmetti più resistenti di quelli in dotazione ai carabinieri. Oltrepassare zone rosse, nere e istituzionali. Distruggendo vetrine, banche, esercizi privati,  e macchine della gente comune. Che non riavranno mai alcun risarcimento, e che dovranno ripagarsi da soli parabrezza e gomme bruciate.

Perchè tanto loro – i no-Cervello – rimarranno sempre impuniti. Nel nome dei più assurdi ideali che neppure conoscono nè tanto meno esistono. Nel segno della più incoerente stupidità. E sui binari di quella grande barzelletta chiamata Alta velocità.

La replica di Richetto




About mlon13

2 Comments

  1. mino

    7 dicembre 2012 at 14:17

    Non voglio sindacare tanto sulla tua più o meno legittima battaglia vs i no-tav, ciò che mi fa sorridere è che venga deriso un no-tav, perchè prende un freccia rossa per compiere una tratta del genere.. quando chiunque viaggi un minimo in treno sa per forza che volendo o no, sei obbligato a prendere i treni ad alta velocità, perchè non puoi scegliere diversamente, non ci sono (non casualmente) alternative.
    Contestarli per ciò che sfasciano..si … per come si spostano, No.

  2. mlon13

    7 dicembre 2012 at 14:59

    Caro Mino, il post non vuole entrar nel merito del collegamento ferroviario Torino-Roma, ma solo evidenziare questa esilarante concidenza tra l’Alta velocità ed uno dei suoi grandi detrattori. Anche perchè, più la leggi, più pare una barzelletta.
    Cordiarlmente

You must be logged in to post a comment Login