— A cura di PJ —

Lo ammetto, sono di parte (non fidatevi di chi sostiene di non esserlo), sono dalla parte della maggioranza meno facoltosa. Sono perché le enormi ricchezze che questo mondo produce siano distribuite un po’ meglio tra i lavoratori ed i precari e persino a chi un lavoro non ce l’ha ancora, così mentre lo cerca può “tirare a campare” e non debba suicidarsi.

Insomma avrete capito di che parte si tratta: sono un elettore di sinistra e quindi alle elezioni mi volto a sinistra cercando qualche conforto, e invece trovo il PD, il partito chiamato naturalmente a rappresentare quella maggioranza che prima ci ha raccontato che la moneta unica ci avrebbe salvati e ora insiste a dire che se non siamo abbastanza competitivi, innovativi, efficienti. Insomma se la Germania è più forte, è colpa nostra.

Ha voluto la moneta unica ignorando tutti le importanti leggi economiche, perché siamo un grande paese e gente come noi non poteva stare con la ‘liretta’ (però quando la intascavano a pacchi – sorry a mazzette – i suoi dirigenti, andava benissimo anche la liretta), che ogni tanto svalutavamo per difenderci dagli attacchi esterni e prendere una boccata d’aria.

Per lasciare ai loro figli un sogno, vogliono stare in Europa, pur senza essere mai stati fuori città e senza conoscere nemmeno un’altra lingua, e ci lasciano a lottare in un incubo. Non potendo lasciare un buon esempio si finisce col dare cattivi consigli.

Bene, ora l’inflazione è sotto controllo e voi siete disoccupati, precari, esodati, chiaro il nesso? Però potete vantarvi di non avere un Eurone in tasca invece che molte lirette da niente.

Mentre questa situazione degenera, passando dai precari ai disoccupati, ai suicidi e dio-solo-sà cosa poi, loro, dopo aver fatto danni, manifestano bel-belli e tra i tanti temi c’è solo l’imbarazzo della scelta loro che ti vanno a scegliere: una bella manifestazione contro la povertà. Un po’ come manifestare contro la pioggia. O contro il terremoto. Roba da matti. Roba da piddì.

Hai capito bene, non sei tu il pirla (in verità non posso saperlo, ma faccio un atto di fede), sono loro i PIDDINI contro la miseria. Altro che iniziativa di sinistra, questa è una svolta in giù con lo scappellamento a destra. Loro che erano a governare con Monti mentre applicava fino all’ultimo punto le politiche d’austerità del “ce lo chiede l’Europa”, che sono in parlamento con la maggioranza e che ora con la maggioranza potrebbero fare molto di più, si mettono a manifestare come un’opposizione qualunque contro il ‘sesso degli angeli’.

Ecco io credo che a volte un ‘vaffa’ non basti. Ce dovete proprio ‘annà’.

partigiano J.

FAI COME P.J., DIVENTA ANCHE TU SCRITTORE SENZA ETICHETTE!