La decisione è praticamente presa. Da domani la scorta presidenzial-boldrina sarà estesa anche agli “stretti familiari”. In sostanza, al compagno “trolley” Vittorio Longhi, e alla figlia Anastasia (l’ideatrice di Gigibillo), avuta col precedente giornalista-consorte Luca Nicosia. Così, dopo aver già a disposizione 12 bodyguard non-stop h24, due Bmw blindatissime con i controcazzi, un’altra auto per i sopralluoghi di sicurezza ed una quarta a tutela dell’abitazione privata (senza contare l’alloggio bonus garantito da Montecitorio), ecco che Lauretta nostra si è voluta far anche un altro regalo. La protezione italiana del non-marito di Stato e della figlia, entrambi quasi sempre risiedenti e lavoranti fuori dai confini italiaci. A spese de nò altri. Chiaramente.

 Sulla scorta alla Presidente non mettiam becco. Ci sta. E’ legittima. Le minacce ci sono, seppur limitate per lo più allo spazio web e dintorni. Anche se la Boldrini potrebbe certamente disfarsi dei due bolidi blindati e far uso più costruttivo e proteggente dell’abitazione della Camera. Ma arrivare ad accettare l’allargamento del “condom” ad un non-familiare e ed alla figlia, per i quali non pare via sia alcuna avvisaglia o pericolo minaccioso in agguato, ci pare francamente un optional presidenziale che suor Laura poteva assolutamente risparmiarsi. Anche perchè, se proprio, è stata lei stessa ad esporre abusivamente il compagno durante lo sfizietto a casa Mandela.

Alcuni l’han chiamato “ritocco”, altri “abuso di potere”. Noi ci limitiamo a dire che qualche centinaia di beceri e stupidi insulti da Bar Sport non possono minimamente giustificare altri milioni di euro sul nostro conto già ampiamente appecorato. E che la decisione della Presidenta (che ora si difenderà col più classico ed inutile dei “mica potevo rifiutarla eh?“) è parsa – questa sì – una tagliola verso i 5 Stelle ed il popolo grillino, che da oltre una settimana si sta scagliando ferocemente ma pure sempre verbalmente contro le gesta e le dichiarazioni boldrine. Una disposizione, dunque, più politica che di reale ed effettiva necessità ed urgenza. Un’ennesimo regalo al continuo ed infinito piagnisteo della martire Boldrini. Sempre più vittima e perseguitata di Stato. Sempre più al soldo di sor Pantalone.

WhatsApp chat